31 Luglio 2015 • 18:41 • Scritto da

Niente The Amazing Spider-Man 3: in arrivo il nuovo reboot targato Marvel!

Un accordo clamoroso! La notizia è stata ufficializzata lo scorso febbraio, e ha provocato la più grande scossa tellurica nell’industria hollywoodiana da quando la Lucasfilm è passata alla Disney: Spider-Man, dopo cinque film realizzati sotto l’egida della Sony Pictures, entrerà a far parte dell’Universo Cinematografico Marvel, e condividerà quindi lo stesso panorama narrativo degli Avengers, con […]
0

Un accordo clamoroso! La notizia è stata ufficializzata lo scorso febbraio, e ha provocato la più grande scossa tellurica nell’industria hollywoodiana da quando la Lucasfilm è passata alla Disney: Spider-Man, dopo cinque film realizzati sotto l’egida della Sony Pictures, entrerà a far parte dell’Universo Cinematografico Marvel, e condividerà quindi lo stesso panorama narrativo degli Avengers, con cui potrà incrociare il cammino.

The Amazing Spider-Man ps vita

I diritti cinematografici dell’Uomo Ragno sono di proprietà della Sony, che aveva rilanciato il personaggio con The Amazing Spider-Man, ma i risultati del sequel non hanno convinto i produttori, spingendoli a cedere al corteggiamento dei Marvel Studios. La Casa delle Idee, in effetti, era ansiosa di riavere il controllo sul proprio supereroe più popolare, soprattutto per sfruttare le sue enormi potenzialità all’interno di un universo condiviso; le due major sono quindi riuscite a stipulare un accordo molto preciso: Spider-Man (interpretato da un nuovo attore) diventerà protagonista di un film che uscirà il 28 luglio 2017, ma potrà apparire anche in altri cinecomic dei Marvel Studios, e infatti il suo debutto è atteso in Captain America: Civil War, dove farà un cameo. L’accordo non prevede alcuno scambio di denaro tra le due società: la Sony avrà il 60% degli introiti del box office, mentre la Marvel continuerà a detenere i diritti sul merchandising, i cui guadagni dovrebbero aumentare sensibilmente dopo l’introduzione di Spidey nell’Universo Cinematografico Marvel. In linea teorica, vincono tutti.

Gli orizzonti di Spidey
I Marvel Studios, in particolare, hanno ottimi motivi per ritenersi soddisfatti. Spider-Man è l’emblema della Casa delle Idee, il simbolo di quella generazione di “supereroi con superproblemi” che nei primi anni Sessanta ha rivoluzionato il fumetto americano, soprattutto grazie a Stan Lee, e ora la Marvel ha l’opportunità di sviluppare un film sull’Arrampicamuri seguendo le proprie direttive: il nuovo Spider-Man si muoverà all’interno di un mondo più ampio, popolato da grandi eroi che potrebbero influenzarlo e ispirarlo, poiché lui è “solo” un adolescente alle prime armi. Le sue avventure ricominceranno da capo, ma senza la storia delle origini. Nel nuovo film (che potrebbe intitolarsi Spider-Man: The New Avenger) la genesi del Tessiragnatele sarà data per scontata, e la storia potrà concentrarsi sullo sviluppo della sua identità supereroistica, sui conflitti umani (gli amori, la scuola, la famiglia) e su quelli sovrumani (i supercattivi, il confronto con gli Avengers). Spidey entrerà così a far parte di una più vasta comunità supereroistica, e in futuro parteciperà alla guerra contro Thanos nel mega cross-over Avengers: Infinity War.

Marvel Easter Eggs n.1

Kevin Feige, il deus ex machina dei film Marvel, ha le idee molto chiare, e vuole amalgamare l’approccio supereroistico con lo spirito del cinema di John Hughes:

È l’idea della soap opera liceale, con tutti i personaggi secondari, a essere interessante. Così come non vediamo un heist movie da molto tempo, o uno shrinking movie [film con un personaggio che rimpicciolisce, ndr] da molto tempo, non vediamo un film di John Hughes da molto tempo. Non possiamo fare un film di John Hughes – solo John Hughes poteva – ma siamo ispirati dal suo lavoro. Siamo entusiasti all’idea di unire tutto questo con il genere supereroistico in un modo che non abbiamo mai fatto prima.

Ciò significa che nel nuovo Spider-Man i turbamenti adalescenziali giocheranno un ruolo determinante, proprio come nei film di John Hughes o nelle storie originali di Stan Lee.

Volti nuovi
La ricerca del protagonista è stata lunga ed estenuante. I Marvel Studios volevano un Peter Parker giovane, in modo da lasciarlo crescere nel corso degli anni all’interno del franchise (come i protagonisti di Harry Potter), ed è trascorso qualche mese prima che la shortlist fosse ridotta a nove candidati: Asa Butterfield (Hugo Cabret, Ender’s Game), Judah Lewis (CSI: Cyber, Point Break), Matthew Lintz (Piranha 3DD, Che cosa aspettarsi quando si aspetta, Pixels), Charlie Plummer (Person of Interest, Boardwalk Empire), Charlie Rowe (La bussola d’oro, Non lasciarmi, Red Band Society), Nat Wolff (Palo Alto, Colpa delle stelle), Timothée Chalamet (Interstellar, Men, Women & Children), Liam James (2012, The Way Way Back) e Tom Holland (The Impossible, In the Heart of the Sea). Asa Butterfield era dato quasi per vincitore, ma alla fine è stato Tom Holland a superare la concorrenza, forse anche in virtù di un curriculum già prestigioso, oltre che delle sue doti acrobatiche. Ma, al di là di questi dettagli, è stato il suo talento a convincere gli studios. Il resto del cast è ancora sconosciuto, ma pare che il ruolo di zia May sia stato offerto a Marisa Tomei.

In parallelo, anche la scelta del regista ha destato qualche sorpresa: il nuovo Spider-Man sarà diretto da Jon Watts, cineasta indipendente che si è fatto apprezzare al Sundance Film Festival per il thriller Cop Car. Pare che Kevin Feige sia rimasto colpito dal suo approccio al mondo di Peter Parker, e questo dovrebbe garantire un’adeguata distanza dai cinque film precedenti (Marvel e Sony puntano molto su questa differenziazione). Inoltre, i due studios cercavano un cineasta con esperienze nella commedia, e Watts ha lavorato per il celebre canale satirico The Onion News Network, oltre ad aver diretto spot televisivi e video musicali per Fatboy Slim e Death Cab for Cutie.

Non a caso, anche gli sceneggiatori provengono dalla commedia. Jonathan M. Goldstein e John Francis Daley sono stati recentemente ingaggiati per scrivere il film, e le loro esperienze precedenti comprendono Piovono polpette 2, Horrible Bosses, The Incredible Burt Wonderstone e Come ti rovino le vacanze, nuovo capitolo di un franchise creato proprio da John Hughes.

spidey

Sam Raimi commenta il passaggio di Spider-Man ai Marvel Studios!

-Costumi e supercriminali
Il costume dell’Uomo Ragno desta ovviamente grande curiosità, ma aspettatevi qualcosa di molto diverso rispetto ai film precedenti. Per il momento, sappiamo che il primo costume sarà molto artigianale, rosso e nero, e potrebbe assomigliare a questo artwork. Si tratterà comunque di un’uniforme provvisoria, poiché alla fine Peter indosserà il costume di Iron Spider, realizzato per lui da Tony Stark (ma non c’è ancora nulla di ufficiale, sono solo indiscrezioni). Comunque, almeno nelle sue prime apparizioni, Spider-Man non avrà il costume “classico”.

I dettagli sulla trama sono ancora sconosciuti, ma Kevin Feige ha assicurato che gli antagonisti saranno inediti per il grande schermo: ciò significa che, nel primo film, non vedremo Goblin, Dottor Octopus, Uomo Sabbia, Venom, Lizard, Electro o Rhino (già apparsi nei capitoli precedenti), ma altri supercriminali. Difficile prevedere la loro identità, o se effettivamente saranno più di uno. È probabile che i Marvel Studios decidano di pescare fra i nemici storici dell’Uomo Ragno, quindi potremmo aspettarci personaggi come Avvoltoio, Mysterio, Scorpione, Kraven, Camaleonte, Shocker o altri ancora, giusto per citarne alcuni. In ogni caso, l’Arrampicamuri vanta una delle più bizzarre gallerie criminali di sempre, quindi lo spettacolo non mancherà di certo.

Appuntamento al 5 maggio 2016 per Captain America: Civil War, mentre il nuovo Spider-Man arriverà il 28 luglio 2017.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RIMANERE AGGIORNATI SUL NUOVO SPIDER-MAN!

Fonte: ComicBookMovie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 1.251.448 spammer.